Post Archive

aprile 2017

Luigi de Magistris

In Piazza ho voluto stare accanto ed abbracciare tre persone che rappresentano tre simboli della lotta per la libertà: il presidente dell’associazione internati nei lager nazisti, il presidente dell’associazione nazionale partigiani di Napoli e il più anziano socio dell’Anpi di Napoli. Il primo è stato internato nei lager in Polonia, gli altri due hanno partecipato attivamente alle quattro giornate di Napoli: prima città d’Europa a liberarsi dall’occupazione nazifascista con una rivolta di popolo. Tre testimoni della Storia. Quando li senti parlare – mi è capitato sovente – e raccontare dei lager e della lotta partigiana ti vengono i brividi. Parole più potenti dei libri di storia. Quanto è importante la memoria storica per non dimenticare e per lottare contro altri campi di concentramento ed altre oppressioni. Campi di concentramento per omosessuali in Cecenia; campi di concentramento per migranti; genocidio nel mar mediterraneo con naufragi continui; sterminio di gente inerme nel vicino medio oriente. Il 25 aprile deve allora significare liberazione vera, forte, totale. Liberazione materiale, fisica e politica, ma anche liberazione dello spirito e del cuore. La strada per la pace e per la giustizia passa anche dalla rottura di tante e intrecciate catene. Ascoltare tre novantenni partigiani – che hanno combattuto anche per la nostra libertà – carichi di passione ed energia è una lezione di vita, contro oppressione, indifferenza e morte.

Leggi
Informazioni

Grande emozione oggi in città per la ricorrenza del 25 Aprile, Napoli prima tra le città europee, ad insorgere e liberarsi da sola contro l’occupazione nazifascista.

Leggi
Informazioni

Abbiamo festeggiato nei giorni scorsi i cinquant’anni di attività del regista Michele Del Grosso. Prima in via Martucci a Chiaia, poi con un teatro tenda e da quasi quindici anni di nuovo a Napoli in Vico Fico al Purgatorio Michele Del Grosso ha guidato una lunga stagione di teatro sperimentale che è stata fucina di numerosi talenti. Un uomo mosso dall’urgenza del fare teatro e di dire la sua argomentando testi della tradizione napoletana o riconducibili al teatro militante. Ha sempre raccontato Napoli e il mondo con l’instabilità del circense cavalcando il paradosso che con il passare del tempo quella precarietà è andata generalizzandosi. Michele è una risorsa di questa città, è uno sguardo critico, mai conformista, nel suo lavoro è sempre inclusivo. Il suo teatro, il vicolo da lui curato nel cuore di Napoli, la statua di Pulcinella da lui fortemente voluta all’angolo con via Tribunali, sono luoghi preziosi della città. La passione di Michele è nell’ingovernabile che per istinto cura la città, criticandola, migliorandola, amandola. Grazie Michele !!

Leggi
Informazioni

La 42esima edizione della Fiera del baratto e dell’usato quest’anno è andata arricchendosi di una nuova sezione sull’antiquariato. Un appuntamento ormai storico per i collezionisti e i curiosi che numerosi hanno affollato i padiglioni della Mostra d’Oltremare. Una fiera cresciuta nel tempo grazie alla passione di chi la cura.

Leggi
Informazioni

A Rionero, in Basilicata, ho incontrato nei giorni scorsi i militanti di un Mezzogiorno che lavorano per il riscatto della propria terra. Dobbiamo rompere quei guinzagli e quelle catene che tengono legate parte delle nostre popolazioni. Vogliamo essere donne e uomini tra la gente per la difesa delle nostre terre, della Costituzione e dei beni comuni. Quando mi domandano qual’è il migliore risultato ottenuto in questi anni a Napoli io rispondo che è l’aver ridato orgoglio al popolo della mia città. Un popolo che si è messo in discussione e in movimento e ha ripreso le sorti del riscatto della propria comunità. Per questo esprimiamo vicinanza a tutte le comunità in lotta che dimostrano affetto per la propria terra e il suo sviluppo: che si tratti di San Foca come della Val di Susa. L’autonomia è un concetto nel quale insistere per elaborare forme di emancipazione amministrativa per non dipendere più dalle geometrie di parlamenti sempre più lontani dalla sovranità popolare. In un paese che normale non è, dove impera come questione nazionale la questione morale, il sud sta dando una profonda dimostrazione di cambiamento. La credibilità è fatta si da idee, ma Ida idee che camminano su persone credibili. Di tutto questo la concentrazione di potere, l’oligarchia, ha paura. Il rischio è perdere il controllo del sud. Lo perderanno.

Leggi
Informazioni

Ho salutato la finale è la premiazione del XIV National Moot Court Competition organizzato dall’associazione Elsa quest’anno nella nostra città. Giovanissimi giuristi hanno dibattuto simulando un processo per reati ambientali. Un salto nei miei ricordi da magistrato quando da giovanissimo indagai su gravissimi reati ambientali.

Leggi
Informazioni

Al Rione Traiano ho visitato nei giorni scorsi il mercato primaverile dell’associazione Erga Omnes. Un’appuntamento da non perdere per una comunità vivace che lavora al miglioramento del proprio quartiere. Non mollate!

Leggi
Informazioni

A CastelCapuano, nella emozionante sala dei busti, ho partecipato nei giorni scorsi alla cerimonia dell’ordine degli avvocati ‘toghe d’onore e medaglie d’oro’. È bello che l’ordine dedichi delle toghe a prestigiosi avvocati recentemente scomparsi e le doni a chi oggi comincia ad esercitare la professione. I giovani avvocati indosseranno una toga carica di responsabilità. Importante anche il riconoscimento agli avvocati che raggiungono il prestigioso traguardo dei 40 anni di professione.

Leggi