Sindaco di strada

Oggi abbiamo inaugurato la quinta edizione “Gustus”, l’Expo dell’ agroalimentare e dei sapori da oggi fino al 20 novembre presso la Mostra d’Oltremare.

Leggi
Sindaco di strada

Un saluto da piazza Municipio per la Giornata Mondiale del Diabete. È possibile fare visita in loco.

Leggi
Sindaco di strada

Oggi sull’Espresso, intervista al sindaco di Napoli Luigi de Magistris

𝐄 𝐝𝐚 𝐠𝐫𝐚𝐧𝐝𝐞 𝐟𝐚𝐫𝐨̀ 𝐢𝐥 𝐩𝐫𝐞𝐦𝐢𝐞𝐫
𝐜𝐨𝐥𝐥𝐨𝐪𝐮𝐢𝐨 𝐜𝐨𝐧 𝐋𝐔𝐈𝐆𝐈 𝐃𝐄 𝐌𝐀𝐆𝐈𝐒𝐓𝐑𝐈𝐒 𝐝𝐢 𝐒𝐓𝐄𝐅𝐀𝐍𝐈𝐀 𝐑𝐎𝐒𝐒𝐈𝐍𝐈
Dall’Espresso del 18 Novembre 2018 – pag 30-32

Luigi de Magistris è un uomo senza mezze misure. Nelle scelte di campo e negli scontri che hanno segnato la sua vita di magistrato e di politico, ha avuto sempre un atteggiamento frontale: io sono nel giusto e voi no. E, come in uno specchio, , non ci sono mezze misure nei suoi confronti. Lo si ama o lo si odia questo sindaco che si atteggia a guappo ma ha alle spalle una fami­glia borghese con ascendenze nobi­li. Lo si ama perché, come diceva Ermanno Rea, non è un moderato, e lo si detesta per lo stesso motivo. Se molti napoletani sostengono che con la sua amministrazione la città ha ritrovato lo splendore, altri la­mentano il caos urbano e la violenza nelle strade. Se lui stesso invoca il bene comune e rivendica di essere stato l’unico a far rispettare il refe­rendum sull’acqua pubblica, gli si risponde che è il sindaco dei centri sociali e non della città. Ma a 51 anni, con un’avvenenza virile intatta di cui fa un uso consa­pevole e con una padronanza poli­tica ormai allenata, l’ex magistrato è pronto a lanciarsi in nuove sfide politiche. Ce le racconta in questo colloquio quasi confidenziale dove mostrerà anche un’inaspettata duttilità.

𝐄 𝐧𝐨𝐭𝐨 𝐜𝐡𝐞 𝐬𝐢 𝐩𝐫𝐞𝐩𝐚𝐫𝐚𝐧𝐝𝐨 𝐩𝐫𝐞𝐩𝐚𝐫𝐚𝐧𝐝𝐨 𝐫𝐞𝐠𝐢𝐨𝐧𝐚𝐥𝐢 𝐫𝐞𝐠𝐢𝐨𝐧𝐚𝐥𝐢 𝟐𝟎𝟐𝟎 𝟐𝟎𝟐𝟎. 𝐃𝐚𝐯𝐯𝐞𝐫𝐨 𝐯𝐮𝐨𝐥𝐞 𝐟𝐚𝐫𝐞 𝐭𝐮𝐭𝐭𝐨?

«Candidarmi alla Regione è inevita­bile. Mi ci costringe l’atteggiamento del governatore De Luca, talmente ostile da non permettere neanche un minimo di dialogo istituzionale. Se mi sentirò appoggiato da una forte spinta popolare, lo sfiderò con il solo rammarico di lasciare Napoli un anno prima della fine del mandato».

𝐂𝐡𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐥𝐚 𝐬𝐩𝐢𝐧𝐠𝐞 𝐢𝐧𝐯𝐞𝐜𝐞 𝐚 𝐭𝐨𝐫𝐧𝐚𝐫𝐞 𝐚 𝐁𝐫𝐮𝐱𝐞𝐥𝐥𝐞𝐬? 𝐄’ 𝐠𝐢𝐚̀ 𝐬𝐭𝐚𝐭𝐨 𝐞𝐥𝐞𝐭𝐭𝐨 𝐮𝐧𝐚 𝐯𝐨𝐥𝐭𝐚 𝐞𝐝 𝐞̀ 𝐯𝐞𝐧𝐮𝐭𝐨 𝐯𝐢𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐟𝐚𝐫𝐞 𝐢𝐥 𝐬𝐢𝐧𝐝𝐚𝐜𝐨.

«Questa volta lascerò subito il po­sto al secondo eletto. Ma sia chiaro che mi candiderò soltanto se prima si costruisce qualcosa di veramente in­novativo che passi attraverso i territori, i beni comuni, i comitati, gli ammini­stratori, i militanti, le associazioni, i movimenti…».

𝐂𝐨𝐧𝐭𝐢𝐧𝐮𝐚 𝐜𝐥𝐢𝐜𝐜𝐚 𝐬𝐮𝐥 𝐥𝐢𝐧𝐤….
http://www.dem-a.it/approfondimento/colloquio-con-luigi-de-magistris-di-stefania-rossini-da-grande-faro-il-premier/

Leggi
Sindaco di strada

Ho assistito alla bellissima cerimonia di Giuramento degli allievi del 231esimo corso della storica Scuola Militare Nunziatella in piazza del Plebiscito.

Leggi
Sindaco di strada

A Firenze per convergenze nella costruzione di alternative dal basso al Sistema.

Leggi
Sindaco di strada

Alessandro Gassmann è cittadino onorario di Napoli: lo ha deciso la Giunta su mia proposta, approvando la delibera con la quale a Gassmann “ attore, regista, conduttore, doppiatore, viene conferita la Cittadinanza Onoraria, quale pubblico attestato dei sentimenti di amicizia, stima, ammirazione ed affetto della Città di Napoli.”
La cerimonia ufficiale di conferimento avrà luogo lunedì 17 dicembre .
Nell’atto deliberativo vengono ripercorse le fasi più importanti della sua straordinaria carriera, ricordando che “ è sempre più impegnato in ruoli che coinvolgono la nostra Città. Tra questi, spicca quello ne “i bastardi di Pizzofalcone”, arrivato alla seconda serie, tratto dai romanzi del grande autore napoletano, Maurizio De Giovanni. Non solo, ma anche la regia teatrale del famoso cult-movie di Elia Kazan “fronte del porto”, rappresentato al “Bellini”, con una trasposizione agli inizi degli anni ’80, nel porto della Napoli post-terremoto, in preda ai conflitti camorristici dell’epoca; o altri progetti, tra i quali una messa in scena de “il silenzio grande”, sempre di De Giovanni, in programma al prossimo Teatro Festival.”

Nelle motivazioni che ci hanno indotto ad annoverare Gassmann tra i cittadini onorari di Napoli si legge “ Alessandro Gassmann, per “i bastardi” ha “ girato” scene per molti mesi a Napoli e – come ha dichiarato – ha avuto, così, modo di conoscere meglio una Città che, come afferma – “in questo momento, mi sembra la più viva d’Italia”. Infatti Gassmann – che si sente adottato da Napoli – ha manifestato, in molte occasioni, il suo affetto, la sua vicinanza ed il suo amore per Napoli che è “ una Città che non vive la depressione che, invece, caratterizza questo periodo della nostra vita culturale, sociale e politica”. Napoli, dice “ è una Città vivacissima con un’infinità di eventi culturali ed una ricchezza teatrale che altrove se la sognano, per le sale che, in controtendenza, continuano ad aprire con energia e per energie creative e di qualità”. Asserisce Gassmann “Napoli è abituata, da sempre, a vivere nella crisi, in questi momenti è più attrezzata a ribaltare in positivo le tante difficoltà. Se dovessi scegliere dove vivere, lo farei senz’altro qui. E, poi, perfino il centro storico oggi è più pulito che a Roma, un fatto senza precedenti”.

Inoltre nella delibera firmata dal primo cittadino viene affermato che “ si vuole fermamente, rinsaldare, ufficialmente ed in modo indissolubile, il legame profondo esistente tra la nostra Città ed Alessandro Gassmann. A tal proposito, il Sindaco – interpretando i sentimenti di amicizia e di ammirazione dei napoletani – intende assegnare un doveroso riconoscimento al Suo attaccamento ed alle Sue numerose dichiarazioni pubbliche di affetto per Napoli, conferendogli la Cittadinanza Onoraria, di cui Gassmann – ha dichiarato – “ne sarebbe orgoglioso ed onoratissimo”.

Leggi
Sindaco di strada

Ho portato i saluti al convegno “Omeopatia e Fisica Quantistica” per supportare la divulgazione della ricerca in questo ambito.

Leggi
Sindaco di strada

Ieri sera sono stato a Castellammare per costruire legami per un’area metropolitana sempre più coesa per il riscatto delle nostre terre.

Leggi
Sindaco di strada

A Secondigliano, all’istituto Sauro Errico Pascoli, abbiamo inaugurato la nuova palestra intitolata a Gianluca Ciminiello, vittima innocente della criminalità. Ai piccoli studenti, alla comunità di Secondigliano tutta, gli auguri dell’amministrazione.

Leggi