Ambiente e rifiutiMunicipalitàMunicipalità 1

Più controlli e multe per sversamenti rifiuti fuori orario

Napoli ha voglia di riscatto ed eliminare quel luogo comune che l’associa al degrado.
La Polizia Municipale ha aumentato il numero delle pattuglie per presidiare le strade e contrastare il fenomeno dello sversamento abusivo dei rifiuti.
In tutti i quartieri ogni giorno gli agenti controllano e sanzionano gli
illeciti, specialmente per il conferimento dei rifiuti fuori orario e la mancata differenziata.
Ecco i risultati di questi pochi giorni di Settembre:
230 controlli effettuati a cittadini e a commercianti;
102 sanzioni elevate, di cui 64 a commercianti e aziende irregolari.
Sono stati sequestrati:

  1. Un furgone di un napoletano, sorpreso a Chiaiano a via cupa Spinelli ad abbandonare ingombranti e rifiuti edili;
  2. Scarti di lavorazione di una ditta di materiali isolanti a via Ferrante Imparato
  3. Un furgone di un pluripregiudicato che scaricava rifiuti di officina a via G.A. Campano;
  4. Due cantieri che smaltivano le macerie per strada, a via Toledo e a via Mauri.
  5. 24 conduttori di cani sono stati controllati, di cui 4 verbalizzati per imbrattamento del suolo pubblico.

    Numerose le sanzioni comminate a cittadini e commercianti nel quartiere di Bagnoli, soprattutto in via Diomede Carafa e nella vicina via Diocleziano.
    Nei quartieri Vomero/Arenella le vie piû interessate sono via Cilea, via Caldieri, via Mascagni e a via San Giacomo dei Capri.
    A Poggioreale resta il Centro Direzionale la zona che conta il numero maggiore di trasgressori e a, seguire, via Stadera.
    Piazza Vittoria, Piazza Dante, centro storico e la city i punti più
    controllati del centro città.
    Sorpresi negozianti scorretti anche in Piazza Garibaldi, via Don Bosco e via Foria.
    Grande attenzione è stata dedicata anche alle aree mercatali ed ai varchi d’accesso
    in città, dove è ormai malsana abitudine depositare, talvolta lanciandoli dai veicoli in movimento, i rifiuti domestici, realizzando così delle piccole
    discariche.

Articolo precedente

Napoli ha voglia di riscatto ed eliminare quel ...

Prossimo articolo

Renato Caccioppoli e Carlo Miranda, due ...