Luigi de Magistris

#sindacodistrada #diario del 27 Aprile 2016 …

#sindacodistrada #diario del 27 Aprile 2016

Barra
Ore 9:00 – Mi sono recato presso la scuola XLVIII circolo didattico Claudia Russo nel quartiere di Barra. Le ragazze e i ragazzi di questo istituto hanno svolto dei bellissimi progetti multiculturali di educazione alla diversità, intrattenendo relazioni e scambi con l’estero. Sono orgoglioso di questi giovani e delle loro e dei loro insegnanti. Oltre a questo progetto, la scuola porta avanti un prezioso laboratorio didattico musicale. Ascoltare il coro di queste voci mi ha regalato un’emozione fortissima; tantissimi artisti nazionali provengono da Napoli est. Il futuro di questi ragazzi è e deve essere arte e cultura. Poi il progetto archingegni con cui i ragazzi hanno disegnato la nuova Piazza De Franchis e l’amministrazione comunale ha adottato la delibera con cui si prevede la riqualificazione utilizzando il progetto risultato vincitore a scuola. Bravissimi tutti !

Castel dell’ovo
Ore 10:30 – Sono stato al Castel dell’Ovo per portare il mio saluto alla conferenza “Il crimine organizzato e l’economia legale”. Si è trattato di un importante incontro organizzato dal nostro Comune insieme a UNICRI, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di crimine organizzato, e al Dipartimento di Stato americano. Napoli è diventata un laboratorio di giustizia e legalità; abbiamo dimostrato come, mettendoci la faccia e con le mani pulite, é possibile fare antimafia, non a chiacchiere, ma con i fatti. Perché il vero brodo di cultura del crimine organizzato è la connivenza della mala politica. Dobbiamo partire dalle istituzioni per assicurare al nostro Paese un futuro di pace e giustizia, liberi dalla mafia e dalla violenza.

Ore 11:00 – A Palazzo San Giacomo ho ricevuto le ragazze e ragazzi provenienti da tutto il mondo protagonisti del progetto/laboratorio migrantour di integrazione dove cittadini migranti si offrono come guide turistiche delle loro città di accoglienza. É bellissimo vedere come l’identità originaria di questi nuovi nostri concittadini si fonda con la nostra cultura.

Camera di Commercio
Ore 12.00 – Ho portato il saluto della città ad un incontro organizzato dalla Camera di Commercio per promuovere gli investimenti italiani a Cuba e la cooperazione fra i due Paesi. Ho potuto quindi visitare la bella mostra di ‘carteles’ del cinema cubano con le fantasiose tavole degli artisti cubani; una pregevole iniziativa culturale promossa dall’Istituto di Cooperazione e Sviluppo Italia-Cuba e dall’associazione “Mira el sol”.

Stazione Centrale
Ore 14:00 – Oggi, al binario 9 della Stazione Centrale, ho portato il mio saluto ai bambini in pellegrinaggio per Lourdes con l’associazione Unitalsi. E’ stata una forte emozione vedere, nonostante le sofferenze, tante persone con un sorriso. Un grande lavoro delle famiglie e dei volontari Unitalsi che dà speranza e deve essere da esempio.

Ore 17:00 – Sono stato ad officiare il matrimonio di Emanuele e Renata al Maschio Angioino. Questi giovani sposi mi avevano espressamente scritto una lettera dove mi manifestavano il desiderio che fossi io a celebrare il loro matrimonio: è per me un piacere augurare loro una vita di amore e soddisfazioni.

Palazzo delle Arti di Napoli
Ore 18:00 – Sono stato al Pan, per assistere al vernissage e visitare la mostra #iPinhole. L’evento nasce dal talento di Luciana Latte e dalla caparbietà di Anna Riccardi, presidente della Fondazione Famiglia di Maria. Luciana è una straordinaria fotografa che per alcuni mesi ha lavorato con i ragazzi e le ragazze della Fondazione, usando la fotografia come strumento di coesione e conoscenza: i giovani sono stati invitati a fotografare il quartiere per raccontare la loro vita attraverso le immagini. Nasce così un percorso di emancipazione e scoperta del territorio e di se stessi, in un continuo rimando fra identità antropologica e del luogo: anima e corpo, passione e ragione.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ancora una splendida notizia per la Città. Poche ...

Prossimo articolo

"Io preferisco stare con i centri sociali ...