Luigi de Magistris

#sindacodistrada #diario del 28 Aprile 2016 …

#sindacodistrada #diario del 28 Aprile 2016

Hotel Royal – Congresso nazionale dei geologi
Ore 9.30 – Presso l’hotel Royal Continental ho aperto i lavori del congresso organizzato dagli Ordini Regionali e dal Consiglio Nazionale dei Geologi “La geologia che verrà”. Abbiamo affrontato tutte le “applicazioni della geologia”, mai città più di Napoli era idonea ad ospitare un evento di questo tipo. Nessuna, al pari della nostra, ha un patrimonio nel sottosuolo ricco e prestigioso tanto quello visibile a cielo aperto.

Liceo Genovesi
Ore 10:15 – presso l’aula Magna del liceo genovesi, ho partecipato alla cerimonia finale del progetto denominato “marchio per l’associazione amici del liceo genovesi ONLUS”, sviluppato da 33 alunni delle classi IV D del liceo genovesi e V Q dell’istituto Casanova ed organizzato dallo storico liceo di piazza del Gesù, da Euforika Napoli e dall’Associazione amici del liceo Genovesi.

Ore 11:00 – a Palazzo San Giacomo una bellissima ventata di gioventù: mi sono venuti a trovare le bambine ed i bambini del 51 ^ istituto comprensivo Oriani-Guarino.
Li avevo incontrati a Marzo presso la loro bella scuola ed avevo chiesto alla dirigente scolastica Daniela Oliviero di accompagnarli a Palazzo San Giacomo.
Dopo la sala della Giunta ed il mio ufficio ancora un momento di allegria con la consegna delle medaglie. Il loro sorriso mi accompagnerà durante tutta la giornata.

Ore 12: 00 – Presso una delle sale della scuola Style Dance in via Ben Hur ho partecipato all’evento pubblico Città bene comune.
Ringrazio gli organizzatori per avermi invitato e ringrazio Stefano Fassina che nonostante sia impegnatissimo per la sua campagna elettorale come Sindaco di Roma e’ venuto a Napoli, segno questo del fatto che sul piano politico a Napoli si sta combattendo una grande lotta. Abbiamo affrontato il tema del bene comune.
A mio parere chiunque agisce per la comunità, anche se si tratta di un “soggetto privato”, fa un bene per la città e va apprezzato.
È importante ricordare che Napoli è l’unica città ad aver mantenuto la sovranità popolare, articolo 1 della Costituzione – referendum 2011 per l’acqua pubblica. Altro bene comune per me fondamentale è l’appartenenza alla propria terra. Rappresenta il più grande processo di emancipazione e di liberazione delle persone soprattutto quando ricominciano ad avere orgoglio e un forte spirito di appartenenza ad una città. Rispetto a 5 anni fa Napoli ha un maggiore senso di dignità di orgoglio di partecipazione. Tutto ciò è fondamentale perché deriva dal senso di appartenenza non ad un partito ma alla propria città quindi è fondamentale riacquistare questo attaccamento alla propria terra per poterla difenderle meglio.

Agorà demA – Via S. Brigida, 65 (www.agoradema.it)
ORE 19.00, Agorà Dema via Santa Brigida- Sono stato in Agorà per il forum “Come è bella la città”, un incontro di grande interesse e partecipazione. Come intervenire nella nostra città e come offrire al meglio il nostro supporto: sono stati questi i temi degli interventi del dibattito di questo pomeriggio. Ho dato il benvenuto anche a Monica Frassoni, co-presidente del Partito Verde Europeo, con cui mi sono confrontato più volte a Bruxelles e Strasburgo. Un ambiente caldo in cui si respira aria pulita, un mare pieno di persone, è questo quello che ho trovato in Agorà e mi sono reso sempre più conto di quanto a Napoli non ti puoi mai sentire solo perchè sei sempre accompagnato. La nostra forza è sempre stata il rapporto con la gente. Facendo il sindaco di strada mi sono aperto sempre più al dialogo, ricevendo abbracci, carezze ma anche rimproveri… funziona così quando ci metti la faccia. Napoli è città-paese, città-mondo, città-rivoluzione e la nostra rivoluzione comincia proprio dalle cose più semplici. Invertiamo i termini: si parla di progresso, sviluppo, crescita.. più consumi, più distruggi, più sei felice… è esattamente il contrario. Acqua, terra, aria, piccole opere pubbliche: sono questi veri segnali di controtendenza. Napoli è la città dell’acqua pubblica, la città dove la sovranità popolare viene rispettata! E’ la città del sole, dell’energia solare e della sostenibilità ambientale. Siamo orgogliosi del nostro porto denuclearizzato. Fare la rivoluzione governando: questo è quello che stiamo cercando di fare. Mentre gli altri alzano mura e mettono filo spinato, noi diamo cittadinanza ai figli degli immigrati, riconosciamo matrimoni omosessuali contratti all’estero. Napoli è una città di mare, il suo popolo è sintesi di contaminazioni culturali. Fondamentale è la nostra riconquista della nostra terra, una terra che produce a chilometro zero, una terra di passione, una terra vulcanica che sprigiona energie. Numerose sono state le nostre delibere sul bene comune, sugli usi civici. Il potere forte di questa città è il suo popolo, è il popolo che dà forza al sindaco e questo sindaco non si rivolge a sistemi inquinati, cricche e concentrazioni di poteri ma alla sua gente.
Napoli è una città con un grande cuore: umanità, accoglienza, sorrisi e creatività colpiscono sempre i turisti che raccontano finalmente una Napoli diversa. Tutto questo non fa solo bene al cuore ma anche all’economia, mette in moto un grande valore economico. Napoli è diventata un vero laboratorio politico di strada. Il segreto è semplice: amiamo la nostra città, l’idea che si può cambiare…soffriamo ed in fondo i napoletani hanno nella loro storia la sopportazione della sofferenza ma se cadiamo, ci rialziamo più forti di prima e neanche il piombo fuso può ributtarci giù. Con coraggio, onestà, autonomia e schiena dritta abbiamo liberato energie. Ci vuole una sintesi chiaramente, una quadra… è questa la nostra sfida ed è necessario una sempre maggiore responsabilizzazione dei cittadini.
Facciamo girare un po’ lo stivale, non accontentiamoci della sufficienza. Ci sono tanti problemi e siamo consapevoli che il percorso è appena iniziato. A noi però non servono opere faraoniche.. tutte le nostre sfide portano ad uno straordinario obiettivo: benessere comune individuale e collettivo, eliminazione delle disuguaglianze economico-sociali. Stando insieme, abbiamo scritto un’importante pagina di dignità.
Passione, coraggio e forza sono il miglior risultato in un mondo fatto di mala politica, mal’affare, filo spinato ed indifferenza. Puntiamo ora ad un’internazionalizzazione della città. Napoli cuore del Mediterraneo, città europea con il cuore rivolto al Sud, porta tra Oriente e Occidente, che rispetta e crede nei diritti e nella giustizia.

Teatro Mercadante
Ore 21:00 – Sono stato presso la sala del ridotto del Mercadante a vedere la bella piece teatrale di Giovanni Meola “Il giorno della laurea”. Cistiana Dell’Anna ed Enrico Ottaviano hanno interpretato magistralmente una coppia borghese vittima delle frustrazioni di una società massificata: splendido!

Ore 22:30 – Sono passato alla festa di compleanno della mia assessora Alessandra Clemente: auguri!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Siamo già in tanti a pochi minuti dall'inizio ...

Prossimo articolo

Sottratti appalti alla camorra