Luigi de Magistris

#sindacodistrada #diario del 28 Novembre 2015 …

#sindacodistrada #diario del 28 Novembre 2015

Antisala del Maschio Angioino
Ore 9:45 – Ho portato il mio saluto al convegno di Musicoterapia “Le influenze della musica dul divenire dell’uomo” – gli effetti neurobiologici della Musica come Terapia nelle malattie neurodegenerative.
Ringrazio le Associazioni ” Il Grido Universale ” e “MadaMadà Eventi” per avermi invitato a questo interessante convegno su questa disciplina che lavora sulla possibilità di migliorare la vita quotidiana attraverso una serie di riflessioni. Ho sempre guardato con grande interesse alla scienza che studia la musicoterapia, credo che la musica sia anche un grande anti depressivo, un serbatoio senza fine di energie che tra le tante peculiarità abbia la capacità di aprire le frontiere inesplorate del nostro cervello e sia fondamentale nel percorso di crescita di ogni essere umano

piazza Matteotti
Ore 10.30 – Ho firmato anch’io per presentare una legge regionale di iniziativa popolare sul reddito minimo garantito in Campania per un’esistenza libera e dignitosa a disoccupati inoccupati e precari. Una legge di civiltà !

piazza Matteotti
Ore 10:30 – “La legge regionale tenta di sovvertire la sovranità popolare e le decisioni del Comune di Napoli. E’ un fatto molto grave e noi impugneremo la legge”.
Ho partecipato e sfilato nel corteo della manifestazione a favore della ”ripublicizzazione” dell’acqua e contro la nuova legge regionale approvata dal Consiglio regionale della Campania. Auspico che “accanto al ricorso che presenterà il Comune di Napoli, ci siano altri ricorsi”.
“Napoli è l’unica fra le città italiane medio-grandi ad aver costruito un percorso che trasformasse l’azienda del ciclo dell’acqua da Spa ad azienda pubblica di diritto speciale e lo abbiamo fatto con tenacia e nonostante mille difficoltà “Da parte della Regione – ha concluso de Magistris – c’è un tentativo di interrompere quel processo che da Napoli deve estendersi a tutta l’Italia. L’acqua è di tutti e non può essere accaparrata da qualcuno”. A Napoli l’azienda è ABC: Acqua Bene Comune

Ore 12:30 – Da oggi a Napoli torna via Dei Greci. Alla cerimonia di scoprimento della targa del toponimo ero accompagnato dall ‘Ambasciatore di Grecia in Italia Themistoklis Demiris, dal presidente della Comunità ellenica in Italia Jannis Korinthios e dall ‘assessore alla Cultura Nino Daniele. “Con oggi abbiamo rimesso un po’ a posto la storia. Questo atto non ci serve solo per ripristinare una violazione inaccettabile compiuta dal regime fascista, ma anche per costruire un futuro diverso, nuovo, che passa per la solidarietà, l’accoglienza, la contaminazione di culture e religioni. Il dialogo e l’ascolto sono anche complicati, ma sono un esercizio di democrazia”.

palazzo Zevallos Stigliano
Ore 13:30 – Incontro sul tema: la via dei Greci – l’ellenismo moderno a Napoli 500 anni di storia
Dopo la bellissima ed emozionante cerimonia di intitolazione della via dei greci sono stato al convegno organizzato dalla comunità ellenica di Napoli e campania durante il quale è stato sottolineato da parte di tutti l’importanza del recupero della memoria storica della Città. E nella nostra accogliente Città la cultura Greca, forse più di altre, ha contaminato e si è contaminata della nostra cultura.. culture diverse ma così vicine con origini comuni e profonde radici.

Castel dell’Ovo
Ore 16:30 – In occasione della giornata ONU per la Pace in Palestina, ho portato il mio saluto al convegno “Mediterraneo rotta di pace?” organizzato da Pax Christi con il patrocinio del Comune di Napoli.
Da Sindaco di Napoli ho avuto la fortuna di recarmi due volte in Palestina e ho avuto il privilegio di avere la cittadinanza onoraria palestinese. Ho il passaporto n°6 del quale avverto il peso e la responsabilità oltre che il privilegio. Quando mi sono trovato lì ho potuto constatare direttamente ciò che da magistrato prima e da sindaco poi, oltre che da abitante della terra, avevo solo sentito raccontare e posso dire che ci sono immagini che non dimenticherò mai.
Sono contento che sia stata scelta la città di Napoli quest’anno per l’organizzazione di questa giornata.
Lottiamo per la Palestina libera ! Per lo Stato della Palestina.
A Napoli ci sono tanti problemi, so bene che la nostra città ha tanti difetti e ci sono tante sofferenze ma Napoli è una città accogliente. Nella nostra città non innalzeremo mai muri ne’ di cemento né di filo spinato ma solo comunità di convivenza e di Pace. Stop all’assedio di Gaza.

Via Santa Brigida
Ore 17:30 – Come l’anno scorso anche quest’anno Emergency ha aperto a Napoli lo spazio dedicato al Natale per raccogliere fondi destinati al programma Italia Emergency
L’amministrazione comunale di Napoli in questi anni ha fortemente creduto nei progetti di Emergency, ricordo che lo scorso 1 settembre è stato inaugurato un poliambulatorio a Ponticelli. Un presidio che abbiamo fortemente voluto insieme per aiutare i più deboli.
È stato per me un onore inaugurare con tutti i volontari anche quest’anno questo spazio così importante che sono certo sarà meta di solidarietà da parte di tanti napoletani e non solo.

Palazzo Alabardieri
Ore 18.30 – Ho accettato con piacere l’invito dall’artista napoletana Rita di Napoli alla mostra di arte presepiale nell’elegante cornice di Palazzo Alabardieri. Avevo già avuto il piacere di ammirare le sue opere lo scorso anno alla mostra in San Severo al Pendino in via Duomo. È importante per me essere vicino a tutte le realtà locali che con la loro esperienza e il loro impegno portano in giro nel mondo la cultura e le tradizioni della nostra città.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

#sindacodistrada #diario del 27 Novembre 2015 ...

Prossimo articolo

#sindacodistrada #diario del 29 Novembre 2015 ...